La terza stagione dell’era Cosmi si annuncia come una delle più esaltanti. Dopo il sorprendente esordio e una insperata conferma delle potenzialità di un gruppo compatto di giocatori che incarnano lo spirito dell’allenatore alla lettera, il Perugia è chiamato alla prova della maturità.
La formazione base del Perugia è una miscela fra gioventù ed esperienza, completata dalla presenza di giocatori di talento in grado di decidere la partita in qualsiasi momento. Ai nastri di partenza Cosmi si presenta con Kalac in porta, una difesa a tre uomini composta da Sogliano, Di Loreto e Milanese, ai quali si aggiungono nella fase difensiva Zé Maria a destra e Fabio Grosso a sinistra, giocatori di fascia in grado di difendere e di attaccare giungendo al cross con disinvoltura. Il centrocampo è affidato ad un trio di giocatori molto dinamici ed energici, come Tedesco, Blasi ed Obodo, in grado di rubare e giocare una straordinaria quantità di palloni.
In attacco la coppia titolare si avvale dell’esperienza del greco Vryzas, giocatore di movimento e dalla grande confidenza con il gol, ma soprattutto è affidato all’estro e all’inventiva di Fabrizio Miccoli. Quest’ultimo è l’eterna promessa del calcio italiano, dalle grandi doti tecniche, ma mai definitivamente esploso. L’ambiente del Perugia, sembra essere il luogo ideale per consentire al “Romario del Salento” di dimostrare finalmente il suo valore. In panchina in ogni caso siede Nicola Amoroso, altro grande giocatore mancato del grande calcio.
L’avvio non è dei più incoraggianti. Sconfitta alla prima di campionato per 3 a 0 con il Chievo, vittoria con la Reggina alla seconda giornata, poi solo un pareggio con il Parma nelle successive quattro partite. Non tutto sembra girare per il verso giusto, i meccanismi della banda Cosmi stentano a decollare.
Ma è solo questione di tempo. Già dalla successiva partita con il Modena il Perugia ottiene una brillante vittoria, seguita da un prezioso pareggio con la Roma all’Olimpico per 2 a 2 e una vittoria in casa con il Torino.
Iniziano ad arrivare punti pesanti e bel gioco (anche se sempre alternato a qualche prestazione da rivedere e qualche sconfitta che si sarebbe potuta evitare), fino alla fine del girone di andata che si conclude con la brillante vittoria sulla corazzata dell’Inter per 4 a 1.
Il 19 gennaio 2003, ultima partita del girone di andata, allo Stadio Renato Curi il Perugia infatti sfodera una delle sue migliori prestazioni di sempre, contro una delle squadre favorite per la vittoria finale del campionato. Apre le marcature Zé Maria su rigore già al nono minuto del primo tempo, fischiato dall’arbitro Bertini per un fallo di mano in area di Cordoba, seguito dal greco Vryzas che di testa infila in rete su preciso cross di Grosso.
Nel secondo tempo la musica non cambia. Il Perugia gioca bene spingendo insistentemente sulle fasce, la zona del campo dalla quale giungono i maggiori pericoli per l’Inter. Al decimo minuto del secondo tempo l’ennesima discesa sulla fascia di Zé Maria produce un traversone che raggiunge Fusani libero al centro dell’area che ha tutto il tempo di stoppare la palla e battere Toldo. Dopo neanche dieci minuti, ancora Zé Maria lancia Miccoli che raggiunge il fondo, guarda al centro e serve un pallone d’oro allo smarcato Vryzas che mette in rete di piatto. Doppietta personale per l’attaccante greco e 4 a 0 per il Perugia. E’ un trionfo.
Prima della fine della partita, Vieri segnerà su rigore il gol della bandiera per l’Inter, fischiato per un atterramento da parte di Kalac, che lo ferma in modo irregolare dopo che una palla persa da Viali stava proiettando l’attaccante in rete.
Il girone di ritorno è di normale amministrazione per il Grifo che raggiunge una salvezza molto comoda già alla 29° giornata, attestandosi al termine del campionato alla decima posizione a parimerito con il Brescia. Perugia e Brescia saranno inoltre le due squadre qualificate per la Coppa Intertoto.
Fabrizio Miccoli realizzerà una delle sue migliori stagioni, segnando nove gol e attirando l’attenzione della Juventus, che lo porterà a vestire i colori bianconeri nella successiva stagione.

Commenti dei lettori - Lascia un commento