La stagione 1992/93 si chiuse come peggio non avrebbe potuto. L’esonero di Novellino, la promozione prima acciuffata, poi svanita, la squalifica di Gaucci e la sua contrapposizione con i poteri forti del calcio, Matarrese in testa. Sul capo del Perugia si addensano nuvole sempre più nere, mentre il morale dei tifosi è ai minimi storici.
Soltanto l’ottimismo di Gaucci è in grado di alimentare quel filo di speranza necessario per credere che il terzo sarà l’anno buono.
Sulla panchina siede ancora Ilario Castagner, il quale, intimorito da un inizio non troppo brillante, chiede subito rinforzi.
Gelsi parte, mentre arrivano Fiorentini dal Pisa e Piovanelli dal Verona.
La stagione è trionfale, il Perugia vince il campionato di Serie C con 71 punti, solamente 17 gol subiti e 46 realizzati, di cui 20 dal bomber Cornacchini. Questa volta la Serie B non è un miraggio.

Commenti dei lettori - Lascia un commento