bATìk Perugia Film Festival E' la rassegna cinematografica più originale degli ultimi anni, una settimana dedicata interamente al cinema invisibile, al cinema sepolto e non distribuibile, ma anche a tutto ciò che non è stato visto abbastanza.
A Perugia la manifestazione invade interamente tutti gli spazi di cui è capace, appropriandosi di ogni luogo che può prestarsi a raffigurare suoni uniti alle immagini. Non solo cinema, ma proiezioni, dibattiti, conferenze, interviste e ogni genere di iniziativa che possa allargare il concetto di cinema, espandendolo fino a raggiungere i propri limiti.
Le pellicole vengono proposte ogni anno senza alcuna distinzione di genere, durata, supporto e formato, costituendo un mosaico composito e suggestivo di immagini e autori ai confini dello scibile cinematografico.
Segno distintivo del Festival è l'eccezionalità, l'eccentricità e la ricerca di una costante fuga dal centro gravitazionale costituito dal cinema "ufficiale".
Dalla sua inaugurazione ad oggi sono stati proiettati film provenienti da oltre 70 paesi diversi, appartenenti a 330 autori, per un totale di circa 1000 visioni.
Gioca un ruolo evidente la voglia di dare spazio a tutto ciò che costituisce sperimentazione nel campo delle arti visive, la volontà di supportare ogni possibilità del cinema, senza confini di spazio e tempo.
Accanto alle pellicole più eccentriche ed originali, vivono nella rassegna le pellicole marginali, quelle passate inosservate e riproposte al grande pubblico del bATìk, come i film del cinema italiano degli anni '60 e '70, del cinema underground americano, degli indipendenti italiani, il cinema apolide e internazionale, i documentari e i film del "limite", il cinema orientale e africano.
bATìk Film Festival è un vero e proprio omaggio alla differenza cinematografica, un repertorio itinerante di immagini in movimento che ogni anno invadono la città occupando ogni spazio possibile, occupando cinema, teatri, biblioteche, musei, chiese e conventi.
Come ogni anno si è svolta ad ottobre l'edizione del 2007, "...spazio 1999 2001odissea nello spazio...VIAGGIO AI CONFINI DEL CINEMA (E OLTRE.", sono stati proiettati 70 film con ingresso gratuito, ospitati 50 autori con 18 paesi rappresentati. Fra gli ospiti sono intervenuti Enrico Grezzi, Silvio Soldini, Alice Debord, Giulio Giorello e Dario Argento, socio onorario della manifestazione, così come Abbas Kiarostami e Amos Gitai.
Per quanto riguarda la categoria degli eventi speciali, si è segnalata la mostra "Lupi Platz" del regista svizzero Clemens Klopfenstein, al quale la manifestazione ha dedicato una retrospettiva, e di Franco Passalacqua, con dipinti, disegni e sculture dei due artisti, dedicate ai boschi, ai lupi e alle foreste.

Commenti dei lettori - Lascia un commento