Minestra tradizionale perugina, tipica però anche di altre zone dell’Umbria, come Gubbio, Umbertide e Città di Castello, dove può assumere nomi differenti e diverse varianti per quanto riguarda alcuni ingredienti.

Ingredienti
100g grano
100g granoturco
100g ceci
100g fagioli
100g fave
100g pomodoro passato
1 cipolla
olio extravergine d’oliva
sale
pepe

Preparazione
Mettete a bagno il grano per 8 ore circa, i fagioli per 12, il granoturco, i ceci e le fave per 24. Il grano ha bisogno di un’ora circa di cottura, i ceci, le fave e i fagioli un paio d’ore, mentre la cottura del granoturco varia a seconda della freschezza. Versateli in pentole colme di acqua fredda e lessateli separatamente. Scolate i legumi e i cereali. Preparate in una casseruola un soffritto con olio e cipolla tritata, poi unite il pomodoro. Lasciate cuocere il sugo. Quando il sugo è pronto, aggiungete i legumi, i cereali e lasciateli insaporire in questo modo per circa un quarto d’ora. Poi aggiungete dell’acqua calda, sale e pepe a piacere. Lasciate il tutto sul fuoco per un altro quarto d’ora circa, poi servite.

Note – L’imbrecciata, oltre che in autunno, era un piatto consumato anche in estate, durante la cosiddetta festa della “scartocciatura”, l’occasione in cui si “scortecciavano” le pannocchie, mondandole dalle foglie.

Commenti dei lettori - Lascia un commento